Cersaie supera le 112.000 presenze

Confindustria Ceramica ha diramato i dati conclusivi dell’edizione 2019 di Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno, che si è svolto a Bologna dal 23 al 27 settembre scorsi. I visitatori delle cinque giornate di fiera sono stati 112.340, in linea (+0,2%) con il dato 2018 e con un afflusso costante nelle diverse giornate. Le presenze dall’estero sono state 52.997, il 47,2% del totale, in lieve flessione (-1,9%) rispetto alla precedente edizione, mentre i visitatori italiani sono stati 59.343 in leggero aumento (+2,2%) sullo scorso anno.

Dei 889 espositori (49 in più rispetto alla precedente edizione), provenienti da 40 paesi, 342 appartengono ad aziende estere (+18 rispetto al 2018), pari al 38,5% del totale.

Quanto agli eventi organizzati dalla fiera (che, ricordiamo, da quest’anno è diventata OPEN CERSAIE, una nuova idea di esposizione basata sulla contaminazione e sull’apertura a nuovi mondi di riferimento), molto partecipate (circa 2.500 presenze) le cinque conferenze del programma culturale ‘costruire abitare pensare’, tenutosi alla Galleria dell’Architettura. Interesse e curiosità ha suscitato anche Archincont(r)act, la nuova area al Padiglione 29, dove dieci studi di architettura di caratura internazionale si sono incontrati con realtà del Real Estate e developper immobiliari.

Oltre 400 sono state infine le consulenze ai privati, realizzate dai progettisti delle 17 testate di interior design presenti nell’Agorà dei Media, in occasione dell’evento ‘Cersaie disegna la tua casa’, tenutosi giovedì 26 e venerdì 27 settembre. Evento a cui storicamente partecipiamo anche noi di I Love Parquet, grazie alla collaborazione con i tecnici di AIPPL (Associazione Italiana Posatori Pavimenti di Legno) e, da quest’anno, grazie anche al Wood expert Gianni Cantarutti. Nei giorni di giovedì e venerdì sono stati davvero molti i privati che si sono rivolti alla nostra testata per una consulenza mirata sulle pavimentazioni in legno dei propri appartamenti, appena acquistati o da ristrutturare.

Anche la partnership con Bologna Design Week, giunta al quinto anno, ha prodotto un ricco programma di eventi per il dopo salone in città, particolarmente apprezzato dai visitatori di Cersaie e che – promettono da Bologna – verrà ulteriormente sviluppato nelle prossime edizioni.

Il legno a Cersaie

La fiera bolognese, che da sempre ha un grande ‘appeal’ per il settore dell’architettura e della rivendita di pavimenti, è un’occasione importante di incontro anche per il comparto dei pavimenti di legno (da qualche anno concentrato principalmente nel padiglione 22, insieme agli altri materiali per le finiture).

Come ogni anno, il mondo del parquet si è messo in mostra al meglio, attirando l’attenzione di buyer e rivenditori con proposte all’insegna del design, della tecnologia e della sostenibilità, vero punto di forza delle nostre aziende.

Partiamo con Itlas, che ha ampliato i modelli del suo ‘Progetto bagno’, ha presentato interessanti pannelli geometrici e poi ha messo in mostra tanto faggio, per festeggiare il decimo anniversario del fortunato progetto Assi del Cansiglio. Parchettificio Garbelotto ha presentato Habitat, una finitura materica che lascia il legno come appena tagliato, e ha riproposto la sua linea Gessi, che offre molteplici colorazioni da combinare; vero protagonista dello stand Clip Up, il famoso sistema di posa flottante brevettato dall’azienda. La presentazione di Original Parquet, a tema ‘Jungle’, è stata incentrata tutta sui legni esotici: specie legnose antiche e preziose esaltate da finiture innovative. Tavar ha messo in mostra la sua anima ‘Green’ e la sua attenzione decennale ai temi della cura artigianale del prodotto e della sostenibilità. Immagine completamente rivisitata per Ravioli Legnami, che ha puntato molto sul design: un ambiente elegante, spazioso e accattivante ha accolto una serie di proposte innovative (e certificate) in tema di decking e cladding. Molto interessanti, infine, il progetto Armonico firmato Salis, che permette a ciascuno ritrovare il proprio ‘mood’, i pattern evocativi di Giacobazzi Parquet e la spirale infinita di colori di Mardegan Legno, che promette ai progettisti di poter scegliere tra i 213 colori RAL per la finitura del proprio parquet.

La fiera è stata un momento importante anche per noi di I Love Parquet; le soddisfazioni sono state proprio tante, quindi è doveroso un grazie a tutti quelli che sono passati a prendere una copia della rivista (in tantissimi, italiani e non, hanno apprezzato la nostra monografia Wood Mood), a chi è venuto per un saluto, a chi per chiedere informazioni sul magnifico mondo del legno. Grazie ad AIPPL e a Gianni Cantarutti Wood Expert, come sempre ottimi compagni di viaggio, e a tutte le aziende e i partner che, anno dopo anno, sostengono il nostro progetto.

Ci vediamo il prossimo anno!

Federica Fiorellini