Coronavirus: Acimall mantiene l’operatività in smartworking

Tempi estremamente complessi quelli che il mondo intero sta attraversando. L’emergenza causata dalla pandemia di coronavirus costringe persone, famiglie, imprese e organizzazioni a rivedere in modo profondo e spesso – purtroppo – drammatico le proprie consuetudini, la quotidianità.

Acimall si è attivata fin dai primi giorni, accelerando l’adozione delle necessarie misure di sicurezza ed entrando immediatamente in modalità smartworking, così da garantire alle realtà associate e a tutti gli interlocutori la massima continuità possibile.

L’organizzazione è dunque completamente operativa e tutti i servizi garantiti, chiaramente nelle modalità imposte dalle disposizioni che ogni settimana vengono adeguate a una realtà in continua evoluzione.

Innegabile che lo spostamento di Xylexpo, la biennale organizzata dalla associazione confindustriale, alla seconda metà dell’anno abbia provocato una mole di richieste di informazioni che è stata assorbita dalla struttura senza problemi.

Acimall ha inoltre provveduto immediatamente a creare un filo diretto fra Confindustria – il sindacato del mondo imprenditoriale di cui è espressione per il mondo delle tecnologie per la lavorazione del legno – e gli associati, trasmettendo alle imprese italiane ogni comunicazione e iniziativa.

Sono momenti drammatici e dobbiamo fare tutto il necessario perchè le aziende, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, trovino supporto nella loro associazione – ha commentato Lorenzo Primultini, presidente di Acimall. Fin dai primi di marzo siamo al lavoro, con il supporto di Confindustria e Federmacchine, per sensibilizzare le autorità di governo sulle azioni necessarie per sostenere il nostro settore e il made in Italy, dedicando le energie disponibili a fare in modo che la visibilità del nostro sistema nel mondo sia tale da agevolare la ripresa quando questo periodo di crisi vedrà finalmente la fine”.

Nel sito www.acimall.com sono in evidenza tutte le informazioni e le fonti che possono essere di aiuto alle imprese, testimoniando il forte impegno di tutta Confindustria nella ricerca delle possibili soluzioni e “attenzioni” che le autorità dovranno avere non solo nell’affrontare l’emergenza sanitaria, ma anche per garantire le migliori condizioni per la ripresa.

Acimall ha infine scelto di contribuire concretamente nella lotta al virus, invitando i propri associati a sostenere l’ospedale realizzato nei padiglioni di Fieramilano City, “… che tante volte hanno ospitato la nostra fiera e le nostre macchine, una struttura che potrà dare aiuto non solo a Milano, ma a tutti gli italiani”, ha aggiunto Primultini (www.fondazionecomunitamilano.org/fondi/fondo-ff-lottacoronavirus).