Domotex, quando una fiera diventa la chiave per il successo

E’ ancora presto, ma l’elevato numero di iscrizioni registrate fino a questo momento sembra preannunciare ancora una volta una fiera Domotex di grande successo. In molti stanno già lavorando sui dettagli dei loro stand, desiderosi di dare il meglio di sé il prossimo gennaio ad Hannover, in Germania. Sono infatti decine gli espositori in fila per Domotex 2019 autori di prodotti innovativi, utilizzati in progetti di interior design in tutto il mondo. I loro tappeti, rivestimenti per pavimenti e sistemi di installazione vengono scelti da architetti e esperti di design internazionali per creare spazi originali ed esclusivi, in cui il pavimento costituisce l’elemento connettivo e unificante dell’intero ambiente.

Il pavimento come elemento di collegamento nell’interior design

Il Blackstone Hotel è stato costruito nel centro di Chicago nel 1910. Per il rinnovamento dell’interior design di questo iconico edificio, The Gettys Group ha impiegato un nuovo concept fedele al fascino del mondo delle pareti e dei soffitti di Chicago. Per la Crystal Ballroom, un luogo spesso scelto per i matrimoni, The Gettys Group ha incaricato Oriental Weavers di realizzare un Axminster di grandi dimensioni. Il tappeto è in lana all’80%, mescolato con il 20% di poliammide, per una maggiore resistenza all’usura. Il motivo simmetrico è evocativo di onde giganti: un gioco sul lago Michigan adiacente che migliora l’atmosfera della stanza. I tessitori orientali torneranno ad Hannover per Domotex 2019, dove mostreranno le loro ultime proposte in fatto di tappeti a macchina.

Lo storico marchio di design di mobili viennese Gebrüder Thonet ha recentemente trasferito la sua sede in un edificio industriale a Torino. La struttura è dotata di uno showroom, dove i lavori classici di GTV sono allestite in vetrine a tutta altezza, affiancate da pezzi contemporanei pensati in collaborazione con grandi designer. Per l’interior design dell’area di ingresso, l’amministratore delegato Riccardo Pigati ha selezionato i tappeti di lana fatti a mano della Galleria Battilossi, la cui particolare collezione “Pattern Mix” ha vinto un “Carpet Design Award” a Domotex 2017. I tappeti in questo caso sono un pezzo unico originale della collezione “Color Jam Project” di Galleria Battilossi, un tappeto vintage berbero della regione di Beni Ourain. Le loro tonalità gialle e beige si collegano agli accenti cromatici dei mobili esposti per dare vita a un insieme armonioso di vecchio e nuovo. “Qualità, artigianalità, originalità e autenticità sono valori che GTV condivide con Galleria Battilossi – afferma Pigati -. Questo senso di connessione è il motivo per cui abbiamo deciso che gli straordinari tappeti di Battilossi erano la scelta giusta per il nostro showroom“.

Al secondo piano del negozio YME Universe di Oslo, una boutique di moda femminile e un adiacente bookshop-caffè condividono lo stesso parquet. Per il design della distesa di 330 mq di pavimento, il team di progettazione di YME Studios e gli interior designer dello studio di architettura e design Snøhetta hanno scelto la gamma “Hermitage Herringbone” di Chapel Parket, unasquisita pavimentazione in legno in tre tonalità contrastanti, con una superficie leggermente ruvida e una spiccata espressività dei colori. Gli elementi in nero si collegano alle cornici delle finestre e alle librerie, mentre i toni caldi del legno si armonizzano con il divano vintage e le travi in ​​legno nudo e l’intelaiatura interna. Chapel Parket ha esposto a Domotex in diverse occasioni e mostrerà anche in questa edizione tutta la sua ricercata offerta.

L’Hotel Villa Vie è una struttura-boutique in un edificio storico situato sul fiume Mosella, nella città tedesca di Cochem. Il suo proprietario, Theodor Steidel, ha progettato e arredato personalmente le camere e ognuna ha il suo fascino particolare. La sua visione combina mobili antichi con design
moderno e oggetti d’arte accuratamente selezionati. Per completare il design degli interni e il disegno di tutti gli elementi, Steidel ha optato per le soluzioni di tavola sintetica estremamente resistenti e prive di PVC della collezione “SONO Skyline” di Classen. Sulla scelta hanno inciso la durabilità del materiale, le proprietà a basso rumore, l’aspetto convincente del legno naturale e la finitura a bassa lucentezza. La collezione “SONO” è stata una delle principali novità in una delle ultime edizioni di Domotex.

La software house Playtech ha recentemente trasferito il personale di Tallinn in un nuovo ufficio di 3.200 mq. L’architetto responsabile degli interni dell’ufficio, Jan Skolimowski, dello studio KAMP, precisa che la pavimentazione era un elemento chiave del suo concetto di design. Uno dei temi principali del progetto era il motivo del pulsante “Play” nel blu del logo Playtech. “Avevo bisogno di un tappeto commerciale il cui pattern e tavolozza di colori si adattasse al brand – racconta –. La collezione ‘Sebastian Wrong’ di Fletco è stata la mia prima e unica scelta“. Skolimowski ha scelto le piastrelle triangolari blu scuro per l’area centrale di ogni stanza e le piastrelle di colore più chiaro per le zone intorno ai perimetri esterni, rendendo efficacemente ogni ufficio ancora più ampio. Il risultato finale è quello della connessione tra pavimenti, mobili e pareti. Il designer londinese Sebastian Wrong ha svelato per la prima volta la sua collezione di piastrelle per tappeti infinitamente configurabile Fletco proprio presso una delle precedenti Domotex.

Il nuovo Allianz Stadion di Vienna è stato costruito nel giro di soli 17 mesi. Poco più di un anno per costruire 10.000 mq di pavimento e installare 8.000 mq di pavimenti in vinile di lusso. Il successo e il completamento puntuale del progetto è dovuto in misura non trascurabile alla preparazione del sottofondo, che è stata gestita in modo fluido, impiegando materiali di installazione Uzin Utz. Il proprietario voleva che il massetto nelle aree business fosse il più possibile privo di giunzioni, in modo che il vinile potesse essere posato in grandi discese ininterrotte, ottenendo così l’effetto estetico uniforme immaginato dall’architetto del progetto, Guido Pfaffhausen. Per ottenere questa caratteristica, tutte le giunture tra le sezioni di cemento del massetto sono state colmate utilizzando il rinforzo in fibra di vetro RR 203, riempito e sigillato con uno strato sottile di cerotto per riparazione e riparazione a basso numero di cicli NC 182. Un approccio che ha permesso di installare il massetto senza tagli trasversali e ancoraggi, un requisito fondamentale nel concetto di interni. Dopo la levigatura e l’adescamento, gli installatori hanno applicato la lisciatura autolivellante Uzin NC 160 con uno spessore di 2-3 mm usando una cazzuola. La mescola ha bassa tensione, eccellenti caratteristiche di scorrimento e restituisce sottofondi completamente livellati. Il risultato è una superficie molto liscia e altamente assorbente che riduce la quantità di adesivo necessaria per il vinile. Di conseguenza, l’adesivo si asciuga più rapidamente ed è meno soggetto a compressione sotto carico. Dopo solo un giorno, la superficie livellata era pronta per camminare. Gli installatori sono stati quindi in grado di carteggiare, tagliare il vinile su misura e installarlo. Forbo Flooring è stato posato su entrambi i livelli della business lounge e nei corridoi. Il vinile è stato installato utilizzando l’adesivo universale Uzin KE 16, ottenendo una superficie dimensionalmente stabile che soddisfa i requisiti estetici e funzionali dello stadio.

La connessione è un aspetto importante del design della pavimentazione. I pavimenti ci ispirano, ci danno l’orientamento e preparano il terreno per l’interazione umana. Questo e altri trend chiave per il settore saranno protagonisti a Domotex, la principale piattaforma mondiale per l’industria della pavimentazione.