Domotex: prosegue il viaggio nel pianeta legno con la mostra Wood.Works

In linea con i trend di sostenibilità e impiego di materiali naturali, la mostra di design made in Italy, che quest’anno si chiamerà Wood.Works, torna per la seconda volta a Domotex 2020.

Wood.Works analizza la materia legno come elemento indispensabile per conferire un senso di benessere agli ambienti indoor. Dopo il successo di Wood.Lifecycle ad Hannover e a Milano nel 2019, la materia legno è ancora protagonista alla prossima Domotex, lo show internazionale del flooring, in programma, dal 10 al 13 gennaio 2020. All’interno dell’area “Framing Trends” (che quest’anno sarà collocata nella Hall 8), alcune tra le più innovative realtà italiane, tra le quali Arkimia, Elitis, Materica, Parital, Randa Line, Tabu e Wood-Skin, proporranno prodotti e soluzioni creative, tese a valorizzare qualità e caratteristiche del legno, legate al concetto di benessere. Come per la precedente edizione, la direzione artistica è affidata all’expertise dell’architetto Giulio Ceppi, fondatore di Total Tool Milano, mentre il project management a TE.AM. Group.

Proprietà ed applicazioni del legno che migliorano la qualità degli ambienti

La mostra Wood.Works si articola in cinque aree tematiche specifiche – purificazione, resistenza all’acqua, controllo acustico, gestione della luce ed esperienza tattile – nelle quali si collocano le realizzazioni dei brand, in molti casi pensate ad hoc per l’occasione. Queste ultime metteranno in luce particolari proprietà del legno che contribuiscono a migliorare la qualità degli ambienti attraverso varie applicazioni: dall’isolamento acustico, alla impermeabilità, nuove sensazioni tattili, fino all’azione antibatterica. L’installazione è perfettamente coerente con “Atmysphere“, il filo conduttore di Domotex 2020, che si ispira alla crescente attenzione della società verso uno stile di vita salutare. Un tema determinato in primis dalla qualità dell’ambiente domestico e lavorativo e degli arredi che ci circondano. In tale ambito, l’utilizzo di materiali naturali e il loro riciclo svolge un ruolo fondamentale.

Il dialogo sensoriale del legno con l’ambiente circostante

La firma dell’architetto Ceppi è riconoscibile attraverso l’utilizzo innovativo della materia legno, analizzata in questo contesto da una prospettiva che ne esalta le caratteristiche benefiche. Egli dichiara infatti che “il legno è per sua natura un materiale vivo ed organico, da sempre legato al concetto di ‘benessere’ in tutta la sua evoluzione storica: oggi nuove potenzialità tecniche ci permettono di esasperarne ancor più prestazioni relative alle qualità tattili, alla resistenza all’acqua, al controllo acustico, alla profumazione in atmosfera, fino all’interazione con la luce”. È inoltre affascinante osservare l’interazione del legno con l’ambiente circostante e la sua versatilità nel creare sinfonie con gli altri materiali. “In mostra racconteremo – spiega – quanto il legno sensorialmente dialoghi con noi in forme nuove ed inattese, rivelandosi una materia sempre più viva e altamente bio-compatibile”.