Milano, cresce il real estate di pregio

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, il mercato del real estate italiano ha lentamente recuperato numeri fino a fare ben sperare in una ripresa generale del comparto con il nuovo anno. Mentre a REitaly 2018 le associazioni e gli operatori di categoria stilano il manifesto per il rilancio del settore, i risultati delle vendite dei nuovi complessi residenziali di Milano parlano chiaro, anche se la situazione rimane molto frammentata lungo il resto dello stivale. Se le grandi città trainano infatti la ripresa, i piccoli centri continuano a soffrire la crisi.

Fra le grandi metropoli, Milano la fa ancora da padrone come dimostrano i numeri sulle commercializzazioni dei progetti residenziali di pregio lanciati nel corso del 2017, che hanno fatto registrare in alcuni casi dei numeri da “sold out” già nel primo weekend di lancio dell’operazione immobiliare.

Molti gli esempi di successo, tra questi il recente progetto di riqualificazione del vecchio deposito ATM in Porta Romana, Urban Garden. Secondo quanto dichiarato da Bluestone, oltre 1.400 clienti hanno visitato l’infopoint durante il periodo di apertura e sono stati venduti tutti e 56 gli appartamenti nel giro di 48 ore dall’apertura della commercializzazione.

Stesso trend per l’elegante complesso in stile liberty, Menotti 11, che ha concluso la prenotazione degli appartamenti di due intere palazzine in occasione del primo weekend di presentazione. Così come Domus Eleganza, una prestigiosa nuova costruzione a due passi da Piazza Piemonte in cui sono stati venduti fin dal primo giorno di lancio oltre il 60% dei 45 appartamenti in commercializzazione.

Un denominatore comune al successo di tutti gli interventi sopra citati è la partnership con Milano Contract District che ha reso possibile la realizzazione di innovativi concept di infopoint esperienziali annessi ad appartamenti campione in scala 1:1 che hanno permesso ai potenziali acquirenti di immergersi fin da subito nell’alta qualità delle finiture e degli arredi previsti in dotazione con gli appartamenti, nonché di attivare azioni strategiche di marketing in fase di pre-lancio sviluppando un’aspettativa all’acquisto del “mattone” distintiva.

Mentre il prezzo degli immobili residenziali nuovi rimane fermo, quello delle abitazioni di pregio è infatti l’unico in continua ascesa, sia in termini di location che di finiture, arredi e tecnologie. E Milano Contract District in questo contesto si accredita quale business model innovativo in grado di rispondere a 360°, con un pacchetto di servizi inediti, sia alle esigenze di chi sviluppa immobili residenziali (B2B) sia dei prospect che dovranno acquistarli (B2C). “Per costruire un oggetto residenziale oggi è diventato imprescindibile abbinare alla proposta immobiliare residenziale dei servizi di vendita esclusivi capaci di stimolare dapprima la domanda e la preferenza dell’immobile e, poi, di sostenerne coerentemente la scelta”, dichiara Lorenzo Pascucci, general manager di Milano Contract District.

Candidato al prestigioso Compasso d’Oro 2018, e insignito del riconoscimento da parte della Regione Lombardia tra le “Eccellenze della Lombardia” nei selezionati dell’ADI Design Index 2017, Milano Contract District, grazie alla collaborazione con i migliori brand di interior e home design, consente di poter personalizzare a proprio gusto e misura ogni dettaglio di casa, presso l’innovativo concept showroom di 1.700 mq, che prevede tra l’altro, anche l’allestimento di una “casa campione indoor” di dimensioni reali. Nato nell’aprile 2016 da un’idea di Lorenzo Pascucci, Milano Contract District è la prima piattaforma al mondo capace di connettere i più importanti developer del real estate con i loro progettisti ed un team di architetti e interior designer al fine di progettare sinergicamente nuove soluzioni e moduli abitativi che abbinano l’eccellenza estetica e qualitativa dei prodotti del made in Italy a soluzioni funzionali e di ottimizzazione dei layout per fornire il massimo sfruttamento e comfort degli spazi abitativi.

Dalla sua inaugurazione nell’aprile 2016 ad oggi, Milano Contract District ha conquistato lo scenario immobiliare della città e non solo, chiudendo partnership su decine di cantieri con un portafoglio di oltre 1.700 unità abitative che andranno in consegna tra la fine di quest’anno ed il 2021. Tra i clienti e i progetti più significativi, oltre a Urban Garden con Bluestone, anche Citylife con Generali, Reale Immobili, BNP Paribas RE, Nexity, i fondi di investimento Polis e InvestiRE sgr, le imprese Rusconi, Borio Mangiarotti, Mangiavacchi e Pedercini e molti altri importanti players del RE.



Richiedi maggiori informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio