Isolamento acustico: entrano in vigore 4 nuove norme UNI

Sono in vigore dallo scorso 5 ottobre le quattro parti della norma UNI EN ISO 12354, documento che entra nel dettaglio della propagazione del rumore tra gli ambienti e del suo passaggio dall’interno all’esterno, rispondendo ad un tema molto sentito dagli addetti ai lavori nel settore dell’edilizia: l’isolamento acustico.

La Parte 1 descrive i modelli di calcolo per valutare l’isolamento dal rumore trasmesso per via aerea tfra ambienti situati in edifici, utilizzando principalmente i dati misurati che caratterizzano la trasmissione laterale diretta o indiretta da parte degli elementi di edificio e i metodi teorici sulla propagazione sonora negli elementi strutturali. Descrive i principi dello schema di calcolo, elenca le grandezze rilevanti e definisce le sue applicazioni e limitazioni. La norma propone un modello semplificato con un campo di applicazione ristretto, calcolando direttamente l’indice di valutazione e utilizzando quello dei vari elementi di edificio. Rispetto alla precedente UNI EN 12354-1, la norma differisce in modo sostanziale.

La Parte 2 definisce i modelli di calcolo per valutare l’isolamento acustico al calpestio tra ambienti sovrapposti, basandosi principalmente sui dati rilevati che caratterizzano la trasmissione diretta o laterale indiretta degli elementi di edificio interessati. Specifica inoltre i metodi teorici sulla propagazione sonora negli elementi strutturali, oltre a descrivere i principi dello schema di calcolo, elencare le grandezze rilevanti e definire le sue applicazioni e le restrizioni. Da questo viene dedotto un modello semplificato con un campo di applicazione ristretto, individuando direttamente il singolo indice di valutazione degli elementi. Ancora una volta, rispetto alla precedente UNI EN 12354-2, la norma differisce in modo sostanziale.

La Parte 3 definisce un modello di calcolo per valutare l’isolamento acustico o la differenza di livello di pressione sonora di una facciata o di un’altra superficie esterna di un edificio. Il procedimento è basato sul potere fonoisolante dei diversi elementi di edificio che costituiscono la facciata e considera la trasmissione diretta e laterale. Il risultato fornisce dei dati che corrispondono approssimativamente ai valori ottenuti con misurazioni in opera, in conformità alla UNI EN ISO 16283-3. I calcoli possono essere eseguiti per bande di frequenza o per indici di valutazione. Non manca la possibilità di utilizzarli anche per ottenere il livello di pressione sonora interna dovuto, per esempio, al traffico stradale. La norma descrive i principi dello schema di calcolo, elenca le grandezze rilevanti e indica le sue applicazioni e limitazioni.

La Parte 4 descrive un modello di calcolo per valutare il livello di potenza sonora irradiato dall’involucro di un edificio a causa del rumore aereo all’interno dello stesso, principalmente per mezzo dei livelli di pressione misurati all’interno dell’edificio e dei dati rilevati che caratterizzano la trasmissione degli elementi pertinenti e delle aperture dell’involucro. Questi livelli di potenza sonora, assieme a quelli di altre sorgenti in o di fronte all’edificio, costituiscono la base per il calcolo del livello di pressione a una distanza prescelta come misura per le prestazioni acustiche degli edifici. La previsione della propagazione del suono esterno non rientra nello scopo e nel campo di applicazione della norma.



Richiedi maggiori informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio